MOSTRA: Arcani Maggiori, I TAROCCHI

output_T27NBI

Arcani Maggiori

I TAROCCHI

22 Serigrafie (1989/1991)

 

A cura di Grigore Arbore Popescu

 

03/02

28/02

2020

 

OPENING

3/02

ore 17.30

 

GALLERIA DELL’ISTITUTO ROMENO 

DI CULTURA E RICERCA UMANISTICA

Palazzo Correr, Campo Santa Fosca

Cannaregio 2214, 30121 Venezia

 

All’inaugurazione interverranno l’Amb. Gianpaolo Scarante, Presidente dell’Ateneo Veneto  e Enzo Santese, scrittore e critico d’arte. 

Arcani Maggiori, I TAROCCHI  porta in mostra a Venezia la ricerca grafica di Gianmaria Potenza, recentemente protagonista di due esposizioni in Russia, al Museo dell’Arte del XX e XXI Secolo di San Pietroburgo (Novembre-Dicembre 2019) e al Museo Regionale d’Arte di Vologda (Dicembre-Gennaio 2020).

La mostra, a cura di Grigore Arbore Popescu, presenta la raccolta di 22 serigrafie firmate da Gianmaria Potenza tra il 1989 e il 1991. Le opere riproducono fedelmente l’omonima serie di pitto-sculture realizzate dall’artista nel 1986, ora parte della collezione della Banca Monte dei Paschi di Siena. Le serigrafie sono in tirature limitate, di cui 99 numerate con numeri arabi, 40 con numeri romani e 10 prove d’artista, e stampate fino a 40 colori su carta Fabriano con inserimento di metalli.

I Tarocchi di Potenza nascono da un’ispirazione molto profonda. La capacità comunicativa e la spontaneità dell’artista hanno creato una sintonia quasi inconscia con la dimensione esoterica profonda, testimoniando da un lato la natura archetipica degli Arcani – simboli da sempre presenti in ogni individuo – dall’altro la libertà di Gianmaria Potenza da inutili sovrastrutture mentali che ne limiterebbero la creatività e la forza espressiva. I 22 Arcani Maggiori, ognuno dei quali simboleggia una tappa nella vita e nel cammino dell’uomo, sono rappresentati come personaggi, busti, volti caratterizzati da acconciature che ne evidenziano la natura. I Tarocchi diventano quindi vere e proprie maschere indossate dall’uomo che recita il gioco dei ruoli nel corso della propria esistenza. Questa visione mette in evidenza da un lato la relatività di ogni punto di vista e la temporaneità dei singoli ruoli, dall’altro la centralità dell’essere umano come interprete della realtà in cui è immerso.

 

Orari di apertura:

LUN – VEN ore 10.00 – 19.00