A MURANO UNA PERSONALE DEDICATA AL FONDATORE DE LA MURRINA GIANMARIA POTENZA

Locandina Murano

Il 7 Dicembre 2016 inaugura nel magnifico Palazzo da Mula di Murano, la personale Gianmaria Potenza, l’arte nella bellezza del vetro – omaggio al fondatore della vetreria ‘la murrina’. La mostra, curata da Rina Dal Canton e fortemente voluta dalla Municipalità di Venezia, si inserisce nel programma di eventi della rassegna di Palazzo Aperto e della manifestazione Le Città in Festa.

 

L’arte nella bellezza del vetro rende omaggio alla creatività e spiccata intraprendenza del noto artista veneziano, che in poco meno di un decennio è riuscito a innovare radicalmente il panorama stilistico muranense. Al Palazzo da Mula saranno esposti alcuni pezzi di oggettistica e di illuminazione, disegnati dall’artista e dai designer e architetti che con Potenza hanno collaborato. Per la mostra è stato inoltre svolto un importante lavoro grafico per i pannelli espositivi, che illustreranno rare immagini dei cataloghi originali de ‘la murrina’, ormai introvabili.

 

La mostra sarà l’occasione per approfondire una parte importante della storia della vetreria di cui ora si sa poco o niente, attraverso un percorso espositivo che illustra come è nata ‘la murrina’, le novità portate, chi sono stati i suoi protagonisti ma soprattutto celebra il grande lavoro svolto da Potenza come fondatore, direttore e artista della vetreria, il quale ha saputo dare notorietà al marchio de ‘la murrina’ e una forte impronta stilistica riconosciuta in tutto il mondo.

 

La personale si inserisce così nel programma dei festeggiamenti per gli ottant’anni del maestro. Dopo Gianmaria Potenza, l’arte nella bellezza del vetro – omaggio al fondatore della vetreria ‘la murrina’, per l’artista veneziano il 2017 si prospetta un anno ricco di altri importanti appuntamenti, che si concluderanno in primavera con una grande retrospettiva nella sua Venezia, in concomitanza con la 57° Biennale d’Arte.

 

La mostra è realizzata in collaborazione con la Municipalità di Venezia e con l’Associazione Culturale Paolo Rizzi. E’ inoltre sostenuta dall’azienda vinicola Bisol e da Cimalu ART.